Attendere prego...
.: Le 16 Regole dell'Esperanto :.
Esperanto ... Le 16 Regole
Hejmo
 
01 L'articolo indefinito non esiste. Il solo articolo che viene utlizzato è LA che resta invariato per tutti i sessi, casi e numeri.
02 Tutti i sostantivi hanno la desinenza -O. Per la formazione del plurale si aggiunge la desinenza -J
L'accusativo italiano si ottiene aggiungendo la desinenza -N al nominativo.
Gli altri casi si esprimono con le preposizioni: DE per il genitivo, AL per il dativo, PER o altre preposizioni - secondo il senso della frase - per l'ablativo.
03 L'aggettivo prende la desinenza -A.
Per il comparativo si utilizza PLI seguita dalla congiunzione OL, per il superlativo PLEJ.
04 I numerali sono : unu, du, tri, kvar, kvin, ses, sep, ok, naŭ, dek, cent, mil.
Decine e centinaia si formano con la semplice unione dei numerali (dudek = venti, dekdu = dodici).
I moltiplicativi sono caratterizzati dal suffisso -OBL, i frazionari da -ON, i collettivi da -OP, mentre per i distributivi si usa la parola PO.
05 I pronomi personali sono : mi, vi li, ŝi, ĝi, si, ni, vi, ili, oni (io, tu, lui, lei, esso-animale, riflessivo, noi, voi, essi, si (usato nelle forme verbali come ad es. 'si legge', dove non è specificato il soggetto.
Per i pronomi possessivi si aggiunge la desinenza -A eventualmente seguita da quella del plurale -J.
06 Il verbo non subisce variazioni in base alla persona o al numero. Vi sono le seguenti forme verbali : presente (-AS), passato (-IS), futuro (-OS), condizionale (-US), imperativo (-U), infinito (-I).
Il participio : attivo presente (-ANT), attivo passato (-INT), attivo futuro (ONT), passivo presente (-AT), passivo passato (-IT), passivo futuro (-OT). Le forme del passivo si costituiscono con l'ausiliare ESTI (essere) e la preposizione DE, quando richiesta.
07 Tutti gli avverbi hanno la desinenza -E.
08 Tutte le preposizioni richiedono il nominativo.
09 Tutte le parole si leggono così come si scrivono.
10 L'accento cade sempre sulla penultima sillaba.
11 Le parole composte si formano con la semplice unione delle parole (la principale si mette alla fine).
Le desinenze grammaticali possono diventare anche parole a sé stanti.
12 Davanti a qualsiasi parola negativoìa, la parola NE non deve essere indicata.
13 Per indicare la direzione, le parole prendono la desinenza dell'accusativo (-N).
14 Dal momento che ogni preposizione ha un proprio significato costante, quando il senso della frase non permette di sceglierne una adeguata, si usa JE, che non ha un significato a sé stante.
15 Le "parole straniere" (che molte lingue hanno preso dalla stessa fonte) sono usate senza cambiamento. Quando invece ci si trova in presenza di diverse parole che provengono dalla stessa radice, sarebbe meglio usare la parola fondamentale senza cambiamenti, e formare le altre secondo le regole dell'Esperanto.
16 La vocale finale del sostantivo e dell'articolo, può essere sostituita dall'apostrofo.
Meteo Meteo (previsioni grafiche)

Google Search

Il tuo indirizzo IP: 54.221.147.93
  Sei il visitatore Nr.